Toys & Licensing

12 febbraio 2018

14:28

Quarto trimestre al di sotto delle aspettative per Mattel

El Segundo (Usa) – Nel quarto trimestre 2017, Mattel ha riportato una perdita netta di 281,3 milioni di dollari (82 centesimi ad azione), dovuta in larga parte all’evento straordinario della nuova tassazione Usa, pari a 457 milioni di dollari (nello stesso quarter dell’anno precedente, era stato riscontrato un profitto di 173,8 milioni di dollari – 50 centesimi per azione). Il valore delle azioni di Mattel è così diminuito dell’8,6%, anche in seguito a una domanda non adeguata alle aspettative di brand chiave come Fisher-Price e American Girl, oltre agli ultimi strascichi del collasso di Toys R Us. “Le perfomance dell’ultimo trimestre 2017 riflettono la parte finale di un anno straordinariamente difficile per Mattel”, ha dichiarato Margo Georgiadis, ceo della società. “Abbiamo dovuto affrontare criticità significative su più fronti, non ultima la bancarotta di Toys R Us, nostro secondo maggior cliente dopo Walmart, le cui vendite contano per il 15-20% nel solo territorio statunitense”. Tra i brand in netto calo, Mega Bloks (-25%), Fisher-Price (-12%) Monster High e DC Super Hero Girls (-35%), e Hot Wheels (-7%). In crescita invece Barbie, +9%, e tutto il merchandising relativo a Cars 3 (+21%), che secondo Mattel è destinato a crescere ulteriormente nel corso del 2018, specialmente nei mercati internazionali.




Tag: ; ; ; ;

ARTICOLI CORRELATI

13 febbraio 2018

17:05

Simba Dickie Group cresce di oltre il 3% nel 2017

Furth (Germania) – Crescita nelle vendite di Simba Dickie Group, che a conclusione del 2017 ha totalizzato 645 milioni di […]

LEGGI

13 febbraio 2018

12:35

Quarto trimestre 2017 in crescita per Hasbro

Pawtucket (Usa) – Hasbro ha pubblicato i risultati finanziari relativi al quarto trimestre 2017, che vedono un aumento del 4% […]

LEGGI

12 febbraio 2018

15:49

2017 da record per Activision Blizzard

Santa Monica (Usa) – Ultimo trimestre da record per Activision Blizzard, che conclude un anno molto positivo per il publisher […]

LEGGI

TWITTER

VIDEO

I NOSTRI SPECIALI

LE NOSTRE RIVISTE

TAG