Videogame

25 Marzo 2020

11:17

Scuole chiuse? La Polonia punta sul gaming

Varsavia (Polonia) – Il governo polacco organizzerà una serie di iniziative educative incentrate sul gaming mentre gli scolari sono bloccati a casa per prevenire la diffusione del Coronavirus. Le scuole sono state chiuse all’inizio di marzo per il Covid-19 e per garantire che bambini e ragazzi siano impegnati in programmi educativi, il ministero della Digitalizzazione ha lanciato Grarantanna, una serie di attività su Internet, webinar, quiz e altro, che aiuteranno i giovani a imparare da casa. All’interno di questo programma, il governo ha annunciato tre iniziative incentrate sui videogiochi, a partire dalle attività della Fondazione Lublin GameDev. Un corso di sei giorni insegnerà ai bambini le basi della progettazione di un videogioco, lo scripting, la prototipazione e persino come usare Unity. Il ministero ha anche lanciato la jam di gioco Grarantanna nel fine settimana, dando agli studenti cinque giorni per creare nuovi titoli basati su un argomento a scelta. Infine, è stato creato un server Minecraft per ospitare una competizione speciale, in cui i ragazzi i si sfidano nel ricreare edifici famosi di tutto il mondo.




Tag: ;

ARTICOLI CORRELATI

02 Aprile 2020

12:30

Aires, “Sbloccare le forniture di elettronica di consumo”

Milano – I rivenditori nazionali di prodotti di elettronica di consumo chiedono al governo di garantire la continuità della fornitura […]

LEGGI

02 Aprile 2020

11:46

Lego lancia due iniziative a favore dei bambini

Billund (Danimarca) – Lego Group e Lego Foundation lanciano due diverse iniziative rivolte ai bambini e alle famiglie in difficoltà […]

LEGGI

02 Aprile 2020

10:20

Amazon Prime Video propone novità gratuite per le famiglie

Milano – Per offrire intrattenimento alle famiglie con figli piccoli bloccate a casa, Amazon Prime Video mette a disposizione diversi […]

LEGGI

TWITTER

VIDEO

I NOSTRI SPECIALI

LE NOSTRE RIVISTE

TAG