Videogame

25 Marzo 2020

11:17

Scuole chiuse? La Polonia punta sul gaming

Varsavia (Polonia) – Il governo polacco organizzerà una serie di iniziative educative incentrate sul gaming mentre gli scolari sono bloccati a casa per prevenire la diffusione del Coronavirus. Le scuole sono state chiuse all’inizio di marzo per il Covid-19 e per garantire che bambini e ragazzi siano impegnati in programmi educativi, il ministero della Digitalizzazione ha lanciato Grarantanna, una serie di attività su Internet, webinar, quiz e altro, che aiuteranno i giovani a imparare da casa. All’interno di questo programma, il governo ha annunciato tre iniziative incentrate sui videogiochi, a partire dalle attività della Fondazione Lublin GameDev. Un corso di sei giorni insegnerà ai bambini le basi della progettazione di un videogioco, lo scripting, la prototipazione e persino come usare Unity. Il ministero ha anche lanciato la jam di gioco Grarantanna nel fine settimana, dando agli studenti cinque giorni per creare nuovi titoli basati su un argomento a scelta. Infine, è stato creato un server Minecraft per ospitare una competizione speciale, in cui i ragazzi i si sfidano nel ricreare edifici famosi di tutto il mondo.




Tag: ;

ARTICOLI CORRELATI

28 Aprile 2020

12:25

Consiglio Ue: Italia e Francia unite vs Germania. Ma il Bel Paese non ottiene nulla

Roma – Nel vertice del Consiglio europeo svoltosi giovedì scorso 23 aprile, in cui è stato approvato un piano da […]

LEGGI

28 Aprile 2020

11:03

Coronavirus: la reazione del settore secondo Assogiocattoli

Milano – Assogiocattoli rende note le iniziative intraprese per sostenere gli oltre 200 associati in questo particolare momento storico, facendo […]

LEGGI

28 Aprile 2020

10:42

Bandai Namco regala Pac-Man Championship Edition 2

Milano – Per offrire svago alle persone bloccate in casa per il lockdown, Bandai Namco Entertainment regala Pac-Man Championship Edition […]

LEGGI

TWITTER

VIDEO

I NOSTRI SPECIALI

LE NOSTRE RIVISTE

TAG